martedì 29 dicembre 2009

Autonomia


Ogni giorno che passa è evidente che vuoi sempre più autonomia.. ti piace e ti diverte riuscire a fare le cose da sola e trovo che sia davvero bello poterti osservare in questi momenti! Stai crescendo, piccola mia...

venerdì 25 dicembre 2009

Natale 2009



Felice Natale, piccola mia!
Galoppa libera e felice con il tuo cavallino... prepara tanti caffè per mamma e papà... impara canzoncine e parole... colora disegni fantastici!


martedì 24 novembre 2009

Lettura della relazione...

... ovvero "ma ci saremo mica innamorati di questa coppia?".. questo in sintesi il livello della relazione e dell'aggiornamento... ci siamo ritrovati, eravamo lì, nelle parole di quelle due persone con cui abbiamo condiviso momenti importanti, di gioia e di speranza, ma anche di smarrimento e di sofferenza. Eravamo lì, custoditi e protetti con affettuosità ed onestà, raccontati con benevolenza e rigore. Anche per noi è stato un piacere, dott.ssa M. e dott.ssa B., davvero.. e un sentito ringraziamento per averci sempre accolti e ascoltati e sostenuti. Speriamo di potervi ricevere presto a casa.. così vorrebbe dire che abbiamo completato la famiglia!!
Ora aspettiamo la telefonata dal giudice.. speriamo sia presto... lo so che sono ottimista, ma perchè non sperare in un regalo di Natale?

lunedì 23 novembre 2009

Ubuntu




Ecco, l'ho fatto.. mi sono convertita a Linux, e precisamente a Ubuntu.. per ora moooolto felicemente!! Basta software costosissimo e da aggiornare e pesantissimo e a volte bloccatissimo e soprattutto blindatissimo! Freeware e opensource... perchè io ci credo nella condivisione della conoscenza. E a quarant'anni ci si può anche permettere il lusso di imparare un nuovo sistema operativo SOLO per motivi etici, o no?

domenica 22 novembre 2009

Ti ho sognata..


eri tu, di nuovo... eri seduta in braccio a me, così vicina.. guardavo le tue treccine, quelle corte e tutte ritorte (come si chiamano, mannaggia, non me lo ricordo..suggerimenti, amiche afromamme?), vedevo la grana della tua pelle e odoravo il profumo dei tuoi capelli, e pensavo a quanto tempo era che ti aspettavo.. era così intenso! e non riuscivo a crederci, ma eri lì e c'era Agata in piedi vicina a noi, che si teneva alle mie gambe e ti toccava. Al risveglio non l'ho ricordato subito questo sogno.. poi all'improvviso è riaffiorato e mi ha travolto l'emozione e la bellezza assoluta di un momento perfetto di felicità perfetta! Arriverò, figlia mia.. stai tranquilla, non c'è niente che mi possa fermare. A presto, bambina mia

giovedì 12 novembre 2009

Ce l'ho fatta!!

Stamattina i risultati delle prove di ieri e l'altro ieri.. ho vinto la borsa di studio per il dottorato di ricerca!!! sono così felice.. ci tenevo moltissimo ed era da marzo che preparavo questo progetto, sono andata a Milano e a Torino per conoscere nuovi strumenti con cui fare ricerca, ho comprato e letto non so quanti libri ed articoli, ma ne è valsa assolutamente la pena! Per tre anni sarò pagata (anche se poco, va bene, lo so) per fare quello che più mi piace: studiare, fare ricerca.. e poi con lo studio privato farò anche clinica. Realizzo un altro sogno! Grazie a Massy che sempre mi incoraggia e supporta (e soprattutto mi sopporta) e ad Agata, che ha la pazienza di accettare questa mamma sempre indaffarata.. ma tanto, tanto felice!

sabato 17 ottobre 2009

17 ottobre 2009 : Primo compleanno!




Tanti tanti auguri, mio piccolo ed immenso tesoro!

sabato 12 settembre 2009

Quasi...


Tornati a casa, ancora carichi per la bella vacanza, ci siamo regalati un bel pomeriggio a Lavagna con amici carissimi.. anzi con i quasi-zii e la quasi-cuginetta!!! Chiacchiere a non finire e coccole e risate e benessere diffuso... da ripetere più spesso! Credo che anche per te, amica mia, sia stato emozionante vedere le nostre splendide cucciole insieme.. Agata non perdeva di vista un attimo Elena e anche Elena cercava spesso Agata.. Ripenso ad un giorno al mare di tanti anni fa.. quando al termine di una bella giornata trascorsa a giocare tra le onde e a raccontarci un sacco di cose, come sempre, mi avevi annunciato ancora incredula e un po' smarrita che Elena c'era. Ne è passato di tempo, eh? E come nei nostri sogni, anche se un po' in ritardo, eccole che si guardano, si toccano, si cercano...

martedì 8 settembre 2009

Sardegna

A grande richiesta.. aggiorniamo un po' sto blog!!



Eccoci al dunque, dunque! Due settimane di vacanza in Sardegna.. le prime vacanze in tre, le prime vacanze dopo 4 anni.. Intanto un IP IP URRA' perchè Agata sembra aver gradito la vita in campeggio e ha dormito tranquillamente in tenda nel suo lettino (Grazie ancora, ragazze e ragazzo!): noi amiamo la vita all'aria aperta, nella natura ed è bello sapere che anche per lei è stata un'esperienza piacevole.. anche perchè intendiamo continuare così.

Abbiamo trovato il campeggio su Internet e ne siamo rimasti contenti: una bella pineta, fitta ed ombreggiata, con tanti animaletti ospiti: volpi, micia con gattini, picchi, tortore, fringuelli, altri uccelli.. Insomma una vera delizia per noi e soprattutto per Agata che non smetteva di fare versetti di meraviglia e contentezza!

Duecento metri di passeggiata e arrivavamo al mare, bello, pulito, qualche volta mosso dal maestrale, al terzo giorno quando Agata lo vedeva risplendere azzurro in lontananza, faceva urletti e muoveva le braccine! Le piaceva così tanto che gattonando lo raggiungeva da sola, pucciava il pollice nell'acqua e lo assaggiava e poi si spruzzava l'acqua in faccia con mille gorgoglii di gioia. Uno spettacolo!


e poi la raccolta delle innumerevoli conchiglie che ogni mattina trovavamo su tutta la spiaggia, e il bimbo spagnolo vicino di tenda e nato esattamente il 17 ottobre dell'anno prima! e le bimbe sarde con cui fare incomprensibili dialoghi.. e i cagnolini sulla spiaggia da raggiungere gattonando ed accarezzare sorridendo... e chissà quante cose mi sto dimenticando! Ed è proprio vero che le esperienze nuove stimolano un salto di crescita nei bambini: Agata ha cominciato a camminare sulla sabbia soffice di Is Arenas, tenendo le nostri mani ovviamente, ed ha cominciato a parlare: mamma, papà e pappa, tutte lo stesso giorno.. così intanto non ha fatto torto a nessuno e poi come a chiarire.. "che altro c'è di importante al mondo?".

E per finire una gita a Cagliari e un pranzo con amici conosciuti sul forum... che bella accoglienza! Una compagnia calorosa e speciale, ottimo cibo (ricette greche e sarde!) e vino e tante chiacchiere e risate.. insomma una giornata speciale. Grazie a tutti voi!!! E che si realizzino i vostri desideri.



Insomma un bilancio totalmente positivo... Alla prossima vacanza, allora!

lunedì 17 agosto 2009

10 mesi!



Eccoci al fatidico numero con due cifre! ormai è più il tempo che hai passato fuori che dentro alla mia pancia... ora sei davvero del mondo, piccola mia!
Intanto cresci e fai progressi: chiacchieri sempre tantissimo, il repertorio di versetti, vocine ecc. è ormai davvero ricco, sali gli scalini con una velocità pericolosamente impressionante, fai esercizio di equilibrio preparatori per camminare, indichi con il ditino le cose che vuoi.. e chissà che cosa accadrà quando saremo in Sardegna, con tutti i nuovi stimoli che avrai!! Tanti auguri, amore di mamma

venerdì 7 agosto 2009

Nuovo studio, nuova moto... e rosolia!


Giorni frenetici e un po' ansiogeni.. ho dovuto comprare una nuova moto, il vecchio Dink non ce la faceva più e il costo delle riparazioni cominciava a non essere più conveniente... così dopo mille dubbi e ore di navigazione in rete ho scelto, subito appoggiata dal maritino: Carnaby Cruiser 300 i.e.!!! Abbiamo trovato, grazie al ns meccanico di fiducia, un concessionario che ha ritirato la vecchia carcassa e ci ha fatto un ottimo prezzo! In fondo l'ho pagato 1200 euro di più rispetto al Dink 200 nel 2004, con bauletto e parabrezza nuovi... il fatto è che non ci voleva, non ora... proprio in contemporanea ho firmato il contratto per l'affitto dello studio, con salasso per mensilità di caparra, utenze, lavoretti e arredamento... E per terminare in bellezza dopo 3 giorni di febbre, anche alta, la mia piccola ha manifestato un esantema che è stato diagnosticato immediatamente come "rosolia"! Così sono sfumate le giornate al mare per le quali ci eravamo trasferite dai nonni... ma per fortuna io l'ho già fatta, altrimenti visto il livello infimo di difese immunitarie per lo stress, sicuro che mi collezionavo anche quella!! Ed ora non vedo l'ora di andare con la moto nuova allo studio nuovo... naturalmente portando Agata senza rosolia nel bauletto!!! ;P

mercoledì 29 luglio 2009

La presa a pinza

Quante cose nuove si possono fare con la presa a pinza??? Sfogliare le pagine di cartoncino dei tuoi primi libretti, recuperare pezzi di pappa inavvertitamente caduti sul ripiano del seggiolone, nel tragitto tra piatto e bocca, raccogliere oggetti piccolissimi e poi naturalmente e pericolosamente portarli alla bocca... e siamo solo all'inizio!

P.S.: lunedì ti ho iscritta al nido... e poi ho realizzato che tra un paio di mesi da lì me ne dovrò andare senza di te.. e sì che ho voglia di riprendermi un po' del mio tempo e ho tanto da organizzare e da fare per costruirmi un lavoro... ma non avevo considerato che questo significa stare lontana da te! Chi accompagnerà me al tuo inserimento??? Mi fa male lo stomaco solo a pensarci.. mannaggia alle separazioni!

venerdì 17 luglio 2009

9 mesi!!!

Lascio parlare le immagini e la tua vocetta... io di commenti non ne ho.. solo un caledoiscopico turbine di emozioni...


video

mercoledì 17 giugno 2009

8 mesi di felicità

Studio, amore, e non ho tempo per aggiornare il blog con i tuoi progressi e con le gioie quotidiane che mi dai e che condividiamo.. metto solo questo video, qualche attimo di felicità intensa... quando ti guardo fare così, sento una commozione profondissima, che non ha parole, nè potrei trovarne per dire di più. Così taccio e continuo a godere di te e della tua solare presenza...


video

domenica 31 maggio 2009

Ancora progressi



Che settimana! Non hai nemmeno 7 mesi e mezzo e hai già raggiunto alcune tappe importanti per il tuo sviluppo.. che emozione, piccolina! Da martedì hai cominciato a gattonare per andarti a prendere i giochi ed esplorare la tua cameretta, giovedì è spuntato il primo dentino, ora dalla tua povera gengiva dolorante fa capolino una puntina aguzza! Infine da venerdì hai cominciato a tirarti su in piedi, dapprima appoggiandoti a me, seduta a terra, ed oggi tirandoti su nel lettino.. sono così fiera di te! E dire che a volte mi sento in colpa perchè dovendo studiare e fare le altre cose, mi pare di dedicarti poco tempo, di stimolarti poco, di farti fare poche esperienze, o almeno non quante vorrei... e invece tu cresci, malgrado noi, arrivi tranquilla alle tue tappe di sviluppo e anzi le anticipi un po'. Sono così contenta quando vedo la tua espressione di piacere e soddisfazione nel fare le cose! E stai mostrando un bel caratterino: volitiva, determinata, curiosa, socievole, aperta, interessata.. e anche un po' incazzosa quando le cose non ti riescono subito o quando io non capisco subito quello che vuoi. E poi assomigli a me nell'essere sempre in fermento.. chi ha voglia di dormire con tutte le cose interessanti da fare e da conoscere?? Così di giorno sta diventando un'impresa farti dormire, ma ecco che con un po' di coccole e una ninna nanna, riesco a rilassarti e così ti arrendi alla stanchezza e riposi, un pochino, ma riposi. Per non parlare delle chiacchiere che fai in ogni momento.. con quella vocina "cristallina".. e i versi che impari: la finta tosse, il verso degli indiani con la manina alla bocca, le pernacchie... Mi piaci, tesoro mio, più ti conosco e più mi piaci.. E ora godo anche di questo legame di attaccamento esclusivo che si sta creando tra noi e della familiarità con l'acqua faticosamente conquistata grazie alla mia tenacia.. l'acqua della piscina era troppo fredda per interessarti davvero, ma ora sembri tollerarla, te ne freghi e cominci a muoverti con disinvoltura e voglia di esplorare.
Ogni giorno è davvero un'avventura con te e, anche se sono spesso affaticata (anche per questa tiroide che proprio non vuol saperne di lasciarmi in pace) o di fretta, ti voglio ringraziare perchè rendi la mia vita così semplice eppure così intensa.

venerdì 15 maggio 2009

Per fortuna..


Per fortuna Agata è ancora piccola, altrimenti come potrei spiegarle in che cazzo di mondo vive??

Un mondo dove i nostri fratelli sfortunati, sono chiamati "clandestini", come se questo li qualificasse (o li squalificasse) umanamente parlando.. un mondo in cui si trasmettono informazioni parziali se non sbagliate così da manipolare la rappresentazione della realtà.. un mondo in cui il potere e la responsabilità non sono più inscindibili e così si stimolano emozioni forti e viscerali come la rabbia e la paura e le si veicolano verso un nemico immaginario.. magari il diverso, così, tanto per essere originali!!!
E così nessuno ci racconta in che condizioni vivono i nostri fratelli sfortunati chiusi nei CIE, alias CPT (http://www.meltingpot.org/cpt.html), nessuno ci dice che la Libia non ha firmato la convenzione di Ginevra e cioè non è possibile richiedere asilo politico, quindi i fratelli o restano nei lager libici (http://www.terrelibere.it/terrediconfine/3718-zlitan-misratah-e-sebha-i-lager-libici-dei-clandestini-) o vengono rispediti nel loro paese d'origine, esattamente quello da cui stanno fuggendo... Così come nessuno al telegiornale ci dice che la maggior parte delle violenze fisiche contro le donne è ad opera dei loro compagni, mentre per quanto riguarda gli stupri e i tentati stupri la differenza tra i partner e altri uomini è quasi nulla (tratto da rapporto ISTAT del 2006, fonte: http://www.istat.it/salastampa/comunicati/non_calendario/20070221_00/testointegrale.pdf).
E che dire della sfrontatezza con cui si continuano a candidare indagati e condannati, o anche semplicemente persone dalla dubbia moralità, alle europee? Per non parlare del referendum che anzichè permetterci di tornare al vecchio sistema e di eliminare la "legge-porcata", ci fa correre il serio pericolo di contribuire ad un rafforzamento dell'autoritarismo attuale (http://www.articolo21.info/8404/notizia/il-tema-del-referendum-elettorale-ha-cambiato-di.html e http://temi.repubblica.it/micromega-online/).

E' di oggi il pezzo di Saramago su Micromega, che adattando una celebre frase di Cicerone, dice:
“Fino a quando, Berlusconi, abuserai della nostra pazienza?”... ma quel che mi ha fatto male è stato leggere questa frase: "E’ riuscito nell’impresa di dividere il popolo italiano in due parti: quelli cui piacerebbe essere come lui e quelli che già lo sono."

Ecco, per questo e per altro ancora, non posso e non voglio scrivere solo di cronache idilliache dell'essere mamma... perchè per me essere mamma è soprattutto questo: tenere vive la mia moralità e la mia coscienza civile, così che un giorno io sappia spiegare ad Agata e al figlio che arriverà in che cazzo di paese vivono, onestamente e senza mezzi termini
...

giovedì 14 maggio 2009

Si ricomincia 2!!


Lunedì l'assistente sociale ha telefonato e ha parlato con Massy e dopo qualche carineria ha detto che ci avrebbero telefonato per dirci il programma. Ed oggi, proprio mentre posteggiavo per portare la piccola gnoma in piscina, squilla il telefono.. riconosco il numero e mi tremano le mani mentre pigio il tasto verde. E' ancora lei, mi fa gli auguri per il complimese di domenica (eh sì, il 7° complimese!!!) e mi dice che Massy ha usato toni entusiastici per descrivere l'arrivo di Agata. Io non posso che confermare e dire che è davvero una persona speciale, socievole, aperta e solare.. e lei mi ripete quanto ha detto a lui, cioè che sicuramente è anche perchè lo siamo noi!! Che bel clima che c'è in questa telefonata... mi spiega che hanno telefonato al giudice per chiedere ragguagli su questa "strana"prassi e che hanno pensato di iniziare con la visita domiciliare così da conoscere subito Agata, che ovviamente suscita la loro curiosità. E così ricominciamo sul serio.. siamo così felici ed eccitati.. proprio come se aspettassimo un altro bambino, ed è davvero così! So che andrà tutto bene, ci sono i presupposti... spero solo che vada anche secondo i nostri desideri.. E intanto adesso si pone il problema di pulire bene casa, di mettere a punto alcune cosette lasciate in sospeso e soprattutto l'ardua impresa di trovare un altro posto a tutte le cose che "provvisoriamente" stazionano su ogni minima base d'appoggio, reale o virtuale, di casa nostra... ma come ha detto un'amica "casa mia è un universo"... sì, ma dopo il big bang, aggiungo io!

giovedì 7 maggio 2009

Vizi privati, pubbliche virtù



Un omaggio all'attualità e al mio primo amore, la filosofia...

pensando agli avvenimenti attuali e soprattutto al tessuto "culturale e valoriale" che sostiene e giustifica l'attuale andazzo (quello che se ne frega dei referendum popolari e delle discussioni in Parlamento, quello che se ne frega delle leggi e anzi le cambia a suo favore, quello che puntualmente riesce a farci scendere nella classifica della libertà di stampa...), mi è venuta in mente questa famosa frase di Bernard de Mandeville, tratto da LA FAVOLA DELLE API , in cui si racconta appunto di una società di api basata su un sacco di "vizi", come la disonestà, ecc., e proprio per questo prospera e ricca. "(...) Essendo cosí ogni ceto pieno di vizi, tuttavia la nazione di per sé godeva di una felice prosperità. era adulata in pace, temuta in guerra. Stimata presso gli stranieri, essa aveva in mano l’equilibrio di tutti gli altri alveari. Tutti i suoi membri a gara prodigavano le loro vite e i loro beni per la sua conservazione. Tale era lo stato fiorente di questo popolo. I vizi dei privati contribuivano alla felicità pubblica. Da quando la virtú, istruita dalle malizie politiche, aveva appreso i mille felici raggiri dell’astuzia, e da quando si era legata di amicizia col vizio, anche i piú scellerati facevano qualcosa per il bene comune. Le furberie dello stato conservavano la totalità, per quanto ogni cittadino se ne lamentasse. L’armonia in un concerto risulta da una combinazione di suoni che sono direttamente opposti. Cosí i membri di quella società, seguendo delle strade assolutamente contrarie, si aiutavano quasi loro malgrado. La temperanza e la sobrietà degli uni facilitava l’ubriachezza e la ghiottoneria degli altri. L’avarizia, questa funesta radice di tutti i mali, questo vizio snaturato e diabolico, era schiava del nobile difetto della prodigalità. Il lusso fastoso occupava milioni di poveri. La vanità, questa passione tanto destata, dava occupazione a un numero ancor maggiore. La stessa invidia e l’amor proprio, ministri dell’industria, facevano fiorire le arti e il commercio. Le stravaganze nel mangiare e nella diversità dei cibi, la sontuosità nel vestiario e nel mobilio, malgrado il loro ridicolo, costituivano la parte migliore del commercio. Sempre incostante, questo popolo cambiava le leggi come le mode. I regolamenti che erano stati saggiamente stabiliti venivano annullati e si sostituivano ad essi degli altri del tutto opposti. Tuttavia con l’alterare anche le loro antiche leggi e col correggerle, le api prevenivano degli errori che nessuna accortezza avrebbe potuto prevedere.
In tal modo, poiché il vizio produceva l’astuzia, e l’astuzia si prodigava nell’industria, si vide a poco a poco l’alveare abbondare di tutte le comodità della vita. I piaceri reali, le dolcezze della vita, la comodità e il riposo erano divenuti dei beni cosí comuni che i poveri stessi vivevano allora piú piacevolmente di quanto non vivessero prima. Non si sarebbe potuto aggiungere nulla al benessere di questa società.
Ma, ahimè, qual è mai la vanità della felicità dei poveri mortali! Non appena queste api avevano gustato le primizie del benessere, tosto mostrarono che è persino al di là del potere degli dèi il rendere perfetto il soggiorno terrestre. Il gruppo mormorante aveva spesso affermato di esser soddisfatto del governo e dei ministri; ma al piú piccolo dissesto cambiò idea. Come se fosse perduto senza scampo, maledí le politiche, gli eserciti e le flotte. Queste api riunirono le loro lagnanze, diffondendo ovunque queste parole: “siano maledette tutte le furberie che regnano presso di noi!”. Tuttavia ciascuna se le permetteva ancora; ma ciascuna aveva la crudeltà di non volerne concedere l’uso agli altri. (...)"

La favola prosegue con uno scenario tristissimo: tutte le api chiedono a gran voce di avere solo la probità!! ed ecco che, grazie all'intervento di Giove, l'onestà si impadronisce dei loro cuori... e da quel momento inizia un periodo buio, triste, privo di ricchezza, molti api muoiono di fame, perchè non hanno più lavoro, non hanno più fame di novità nè ambizione... solo onestà!
E la morale della favola è
"Abbandonate dunque le vostre lamentele, o mortali insensati! Invano cercate di accoppiare la grandezza di una nazione con la probità. Non vi sono che dei folli, che possono illudersi di gioire dei piaceri e delle comodità della terra, di esser famosi in guerra, di vivere bene a loro agio, e nello stesso tempo di essere virtuosi. Abbandonate queste vane chimere! Occorre che esistano la frode, il lusso e la vanità, se noi vogliamo fruirne i frutti. La fame è senza dubbio un terribile inconveniente. Ma come si potrebbe senza di essa fare la digestione, da cui dipendono la nostra nutrizione e la nostra crescita? Non dobbiamo forse il vino, questo liquore eccellente, a una pianta il cui legno è magro, brutto e tortuoso? Finché i suoi pampini sono lasciati abbandonati sulla pianta, si soffocano l’uno con l’altro, e diventano dei tralci inutili. Ma se invece i suoi rami sono tagliati, tosto essi, divenuti fecondi, fanno parte dei frutti piú eccellenti. È cosí che si scopre vantaggioso il vizio, quando la giustizia lo epura, eliminandone l’eccesso e la feccia. Anzi, il vizio è tanto necessario in uno stato fiorente quanto la fame è necessaria per obbligarci a mangiare. È impossibile che la virtú da sola renda mai una nazione celebre e gloriosa. Per far rivivere la felice età dell’oro, bisogna assolutamente, oltre all’onestà riprendere la ghianda che serviva di nutrimento ai nostri progenitori."

Forse qualcuno crede ciecamente in questa favola e ne professa la dogmatica religione...


sabato 2 maggio 2009

Libertà di informazione

Il 29/04 l'associazione dei giornalisti tedeschi Djv ha conferito a Marco Travaglio il premio per il giornalismo libero: premio che negli ultimi anni è stato dato a giornalisti russi e serbi.. il chè dice qualcosa, no?

http://www.voglioscendere.ilcannocchiale.it/2009/04/29/premio_travaglio.html


Ovviamente la cosa non ha avuto alcuna risonanza nei mezzi di informazione nazionali.

Significativamente il 1 maggio Freedom House ha presentato il rapporto sulla libertà di stampa a livello mondiale per il 2009: siamo passati a PARTLY FREE, con 32 punti e in 73 posizione a parità con il Tonga. Dopo di noi, tra l'Europa occidentale, solo la Turchia..

giovedì 30 aprile 2009

Si ricomincia!!!

Evviva! Riprendiamo il percorso adottivo!!!
E' trascorso giusto un anno da quel 24 aprile... e oggi 30 aprile il colloquio che, anche se con l'amaro in bocca per la freddezza del giudice, ci permette di procedere con l'iter adottivo!!! L'incontro non è stato bello, molto molto freddo, con lui che non alzava gli occhi dal pc, sembrava che non vedesse l'ora di liberarsi di noi... gli abbiamo detto che ci abbiamo pensato, ma che più ci pensiamo più troviamo buone ragioni per proseguire... e così PROSEGUIAMOOOOOOO!!! Ora aspettiamo la telefonata della psico che ci rivedrà per aggiornare la situazione familiare, vista la presenza di Didina!

... già in piedi, pronti per andare, lui si lascia scappare una battuta veramente infelice e spessa! Ho trattenuto a fatica una testata educativa a scopo tramortimento Silenced Brick wall Think

Ora resta l'altra questione per noi importante, e cioè ottenere un decreto di idoneità SENZA vincolo di primogenitura... la psico all'epoca si era detta disponibile ad avvallare la nostra decisione, vedremo come andrà a finire.. per ora portiamo a casa un primo, piccolo ma significativo risultato.. visto che tutti ci dicevano che dovevamo rinunciare e ricominciare tutto da capo! Piccolo/a, non temere... presto o tardi arriveremo!!!

lunedì 27 aprile 2009

L'intolleranza dell'intolleranza..

Leggo su www.forumpalestina.org che il 4 maggio il nostro ministro degli esteri ha invitato il ministro degli esteri israeliano, notoriamente ultranazionalista. E' un attimo ripensare alla conferenza ONU sul razzismo... Non trovate che boicottare una conferenza mondiale sul razzismo, l'intolleranza e le discriminazioni sia "lievemente" discriminatorio ed intollerante???
Mi accorgo che non l'ho detto prima.. o meglio l'ho detto, ma non l'ho scritto, quindi lo faccio ora:

Io mi dissocio dalla decisione del governo di non andare a Ginevra e mi dissocio dalle motivazioni addotte.

Leggo dal Corriere della Sera del 21/04:

"ASSENZA ITALIANA - Il presidente Berlusconi intanto ha spiegato perché l'assenza italiana a Ginevra è stata giustificata: «Siamo stati preveggenti: è successo quello che immaginavamo potesse succedere». E il ministro degli Esteri Frattini: «Mi auguro che ci possa essere una seconda chance per l'Onu e si possa arrivare a una vera conferenza internazionale che parli di razzismo e islamofobia». Frattini si augura una nuova conferenza contro il razzismo «completamente sganciata» da Durban e Durban II. Per quanto riguarda la posizione della Francia, che spera ancora di arrivare a un documento finale condiviso, Frattini sottolinea che «l'Italia si rallegrerebbe se le conclusioni cancellassero quelle della conferenza precedente, dicessero che l'Olocausto è la più grande tragedia del ventesimo secolo e non parlasse di razzismo in riferimento a Israele. La speranza è l'ultima a morire»."

Non conosco le conclusioni della conferenza precedente, ma senz'altro so che l'Olocausto non è l'unica tragedia del ventesimo secolo e non sono sicura che sia la più grande, e soprattutto so che quando si considera inferiore un popolo per la sua "razza" o etnia, bè di solito lo si definisce "razzismo"...

Mi piace quindi riportare qui la lettera di uno scrittore comparsa qualche mese fa su Le Monde, tanto per vedere anche qualcosa di diverso sulle solite faccende.

Cancellate il nome di mio nonno a Yad Vashem
Scritto da Jean-Moïse Braitberg e pubblicato su LE MONDE del 28.01.09

Signor Presidente dello Stato d'Israele,

le scrivo affinché intervenga presso chi ne ha competenza affinché si tolga dal Memoriale di Yad Vashem, dedicato alla memoria delle vittime ebree del nazismo, il nome di mio nonno, Moshe Brajtberg, gasato a Treblinka nel 1943, come quelli degli altri membri della mia famiglia morti in deportazione in diversi campi nazisti durante la seconda guerra mondiale. Le chiedo di acconsentire alla mia richiesta, signor presidente, perché quel che è accaduto a Gaza, e più in generale, la sorte imposta al popolo arabo di Palestina da 60 anni, squalifica ai miei occhi Israele come centro della memoria del male fatto agli ebrei, e quindi a tutta l'umanità.

Veda, sin dall'infanzia ho vissuto nell'ambiente dei sopravvissuti dai campi della morte. Ho visto i numeri tatuati sulle braccia, ho sentito il racconto delle torture; ho conosciuto lutti impossibili e ho condiviso i loro incubi.

Bisognava, mi hanno insegnato, che questi crimini non accadano più; che mai più un uomo, per la sua appartenenza ad un'etnia o ad una religione disprezzi un altro, lo schernisca nei suoi diritti più elementari che sono una vita degna nella sicurezza, l'assenza di ostacoli e la luce, per quanto sia lontana, di un avvenire di serenità e prosperità.

Ora, signor presidente, io osservo che malgrado molteplici decine di risoluzioni adottate dalla comunità internazionale, malgrado l'evidenza lampante dell'ingiustizia inferta al popolo palestinese dal 1948, malgrado le speranze nate a Oslo e malgrado il riconoscimento del diritto degli ebrei israeliani a vivere in pace e sicurezza, più volte riaffermati dall'Autorità palestinese, le uniche risposte dei governi che si sono succeduti nel suo paese sono state la violenza, il sangue versato, la chiusura, i controlli incessanti, la colonizzazione, le spogliazioni.

Lei mi dirà, signor presidente, che è legittimo, per il suo paese, difendersi contro chi lancia razzi su Israele, o contro i kamikaze che portano via con loro numerose vite israeliane innocenti. A questo io le risponderò che il mio senso umanitario non varia a secondo della cittadinanza delle vittime.

Invece, signor presidente, lei dirige i destini di un paese che pretende, non solo di rappresentare tutti gli ebrei, ma anche la memoria di coloro che furono vittime del nazismo. E' questo che mi riguarda e mi è insopportabile. Conservando nel Memoriale di Yad Vashem, nel cuore dello Stato ebraico, il nome dei miei cari, il suo Stato tiene prigioniera la mia memoria familiare dietro il filo spinato del sionismo per renderlo ostaggio di una sedicente autorità morale che commette ogni giorno un abominio che è la negazione della giustizia.

Allora, la prego, tolga il nome di mio nonno dal santuario dedicato alla crudeltà fatta agli ebrei affinché non giustifichi più quella fatta ai Palestinesi.

Voglia gradire, signor presidente, l'assicurazione della mia rispettosa considerazione.

Jean-Moïse Braitberg

http://www.lemonde.fr/opinions/article/2009/01/28/effacez-le-nom-de-mon-grand-pere-a-yad-vashem_1147635_3232.html

sabato 25 aprile 2009

venerdì 17 aprile 2009

Buon comple-mezzo-anno!!!


Cucciola mia, ormai hai compiuto sei mesi.. e sei uno spettacolo: chiacchierina, simpatica e sempre pronta a sorridere, con una gran voglia di muoverti e curiosa, buona e volitiva. E' così bello vederti crescere! ed è un onore essere la tua mamma, tesoro prezioso! Auguri!!

giovedì 16 aprile 2009

Democrazia

Spero che Gianni De Mauro non si arrabbi se posto la sua intelligente vignetta..

mercoledì 15 aprile 2009

I magnifici tre

Stasera veramente un gran telegiornale, degno della democrazia evoluta in cui viviamo beati e beoti, con un grandioso tris di notizie :

1. non ci sarà nessun election day: cioè nella speranza che la gente non vada a votare e non si raggiunga il quorum, bruciamoci 'sti 400 milioni di euro, che tanto non sarebbero serviti ad altro (
http://www.lavoce.info/articoli/pagina1000993.html).

2. Vauro è stato sospeso. Ma non è censura. (http://www.vauro.net/)

3. Hanno confermato che il prossimo consiglio dei ministri si terrà a L'Aquila, giusto per non fare vergognose "passerelle mediatiche", e soprattutto per risparmiare denaro pubblico che non servirebbe ad altro e non si sa come spendere.

A questo punto se avessero anche annunciato la stupidaggine del 5 per 1000, avrei potuto intitolare il post "I magnifici quattro", citando un fumetto famoso e certo più serio di questo paese e del suo telegiornale.

domenica 12 aprile 2009

domenica 5 aprile 2009

Costituzione italiana: Disposizione transitoria XII



"È vietata la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista."

La Costituzione

ARTICOLO 21

giovedì 2 aprile 2009

domenica 29 marzo 2009

Week end a Bergamo



Finalmente, dopo 4 anni, ci siamo mossi di casa, passando la notte fuori! E' stato bello perchè è stata la prima volta come famiglia, perchè Agata si è dimostrata ancora una volta una persona adattabile e socievole, perchè malgrado la pioggia insistente siamo stati benissimo scaldati dalla solarità e dall'ospitalità dei nostri amici!!! Che bello!!! Non voglio aggiungere altro.. è tutto salvato nell'archivio della mia memoria, alla voce "ricordi preziosi". A presto!


giovedì 26 marzo 2009

Divaricatore addio!!!

prima..


Evviva!!! Le anche sono andate a posto e non c'è più bisogno del divaricatore!!! E ora via con gli sgambettamenti!!!


e dopo..